Home / Neonati / Come affrontare al meglio la scelta del passeggino?

Come affrontare al meglio la scelta del passeggino?

Per portare in giro il neonato appena qualche giorno dopo la nascita, è fondamentale disporre di un passeggino. Tuttavia, la scelta non deve essere casuale, in quanto questo importante accessorio per l’infanzia deve adattarsi perfettamente alle esigenze del piccolo ed a quelle dei genitori. I modelli e le tipologie messe a disposizione dalle case produttrici sono davvero tanti, per questo è necessario, prima di farsi prendere dal panico, capire come muoversi.

Ma che cosa bisogna fare in concreto per individuare il passeggino ideale? Sicuramente, fare ricorso ad un sito specializzato in questo genere di articoli. Particolarmente interessante è www.passegginimigliori.it, poiché spiega per filo e per segno tutti gli aspetti fondamentali che è necessario prendere in considerazione.

Inoltre, riporta le recensioni di chi ha già avuto modo di provare i prodotti dei vari marchi ed una classifica con i migliori passeggini del momento. Quest’ultimo aspetto è particolarmente importante, poiché facilita enormemente i consumatori che sono in fase di ricerca. Detto ciò, il primo punto su cui vale la pena di soffermarsi sono le tipologie, ovvero è necessario imparare a capire quale sia l’opzione migliore su cui puntare.

Passeggini disponibili in commercio: tutte le tipologie

I passeggini in commercio sul mercato sono davvero numerosi. Tuttavia, le tipologie più comuni sono sette. Scopriamo di che cosa si tratta.

Passeggini leggeri

Come dice il termine stesso, si tratta di apparecchi che si caratterizzano per un peso ridotto, grazie anche alla struttura piuttosto minimale. Solitamente, vengono utilizzati per gli spostamenti complessi e per le uscite veloci, in cui si deve fare velocemente e di ha poco tempo a disposizione.

Passeggini gemellari

Le coppie che hanno due gemelli o due figli assai vicini di età, possono puntare all’utilizzo di un unico apparecchio, il cui telaio è in grado di ospitare due comode e confortevoli sedute.

Carrozzine

I neonati non sono in grado di rimanere seduti. Per tale ragione, fin dai primi giorni di vita del bambino, è possibile avvalersi della carrozzina, che può essere considerata come una sorta di culla, in quanto il piccolo può rimanere sdraiato. Alcuni modelli sono fissi e presentano solo il lettino imbottiti, mentre altri possono montare anche l’ovetto.

Passeggini a 3 ruote

Nel caso in cui sia necessaria una certa mobilità, ideali sono i modelli a 3 ruote, tendenzialmente due dietro ed una davanti. Si tratta, infatti, di modelli estremamente agili, dotati di ruote ammortizzate e grandi, perfettamente in grado di adattarsi a qualunque tipo di superficie.

Passeggini a 4 ruote

I prodotti più classici sono quelli provvisti di 4 ruote, poiché garantiscono un’elevata stabilità ed un eccellente comfort, soprattutto in caso di lunghe passeggiate in corrispondenza di terreni piani.

L’importanza di concentrarsi sugli aspetti fondamentali

Sicuramente, la tipologia da sola non può bastare per riuscire ad individuare la soluzione più adatta per le proprie necessità e quelle del piccolo. Come già anticipato, per una scelta adeguata, gli aspetti da considerare sono tanti. Tuttavia, è bene, prima di tutto, non trascurare quelli fondamentali, come il budget di spesa, che è personale. Ciononostante, può aiutare ad attuare una scrematura, eliminando tutti i modelli troppo costosi.

A ciò, però, si devono aggiungere anche il peso e la portata. La cosa migliore da fare è tenersi al di sotto dei 10 kg, poiché altrimenti si rischia di comprare un prodotto difficile da manovrare. Il passeggino, inoltre, deve riuscire a portare almeno 15 kg, in modo da poterlo utilizzare per i primi 2-3 anni senza difficoltà.

Rilevante è anche la struttura, che deve essere robusta, ma anche flessibile, in modo da non deformarsi in caso di urti o collisioni, nonché i materiali che devono essere resistenti e sicuri, così da non arrecare danno al bambino. E per quanto riguarda gli accessori? Non è necessario comprare tutto quello che si trova in commercio, ma puntare solo a ciò che può fare veramente la differenza, come le tasche per riporre gli oggetti, le imbottiture e le coperture per il sole e per la pioggia.

 

Guarda Anche

Lisa Marzoli: «Mia madre licenziata per farmi nascere. Una consuetudine diffusa ancora oggi»

«Una donna italiana su quattro è purtroppo ancora costretta a scegliere tra la propria professione …