Home / Fertilità / I giovani e le malattie sessualmente trasmissibili: quanto ne sanno realmente?

I giovani e le malattie sessualmente trasmissibili: quanto ne sanno realmente?

Ogni anno, nel mondo, si registrano 340 milioni di nuovi casi di malattie sessualmente trasmessibili (Mst). Difficili da affrontare e che fanno paura. Ma quello che più incute terrore e su cui ci si sofferma molto poco è che sono proprio i giovani ad essere più colpiti vista anche la precocità dei primi rapporti sessuali. Quanto ne sanno davvero i ragazzi di infezioni e malattie sessualmente trasmesse? Come ci si dovrebbe proteggere e a quali test sottoporsi per controllare il proprio stato di salute e preservare la fertilità?

Malattie sessualmente trasmissibili: Guerra alle MST

Un milione di contagi al giorno nel mondo per malattie sessualmente trasmissibili (Mst) secondo le ultime stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. In Italia la fascia d’età più colpita è quella dei giovani adulti tra i 15 e i 24 anni.
Per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse il metodo più efficace è sicuramente l’uso del profilattico. Ancor meglio possono aiutare le vaccinazioni: nel caso del papilloma virus esiste un vaccino efficace, che consente una buona risposta immunitaria nel 99% dei casi Ciò è importante soprattutto per la prevenzione secondaria delle conseguenze dell’infezione da HPV quali i condilomi, il tumore del collo della cervice, della vagina, della vulva, anale, del pene e orofaringei. La vaccinazione viene offerta gratuitamente a tutti i ragazzi e le ragazze a partire dagli 11 anni e per i maschi, in particolar modo dalla coorte del 2006 mentre per le ragazze l’offerta è partita già dal 2008 e fino al compimento dei 19 anni.

continua dopo la foto

Vaccinazione e screening sono due strumenti della prevenzione molto diversi. La vaccinazione agisce come prevenzione primaria, nei confronti di un organismo che non è mai entrato in contatto con l’agente infettante. Lo screening invece, sia nel caso dell’Hpv Test sia del Pap Test, ricerca la presenza del microrganismo o delle anomalie cellulari da lui provocate. Serve insomma a effettuare una diagnosi precoce in maniera che il virus o il batterio non siano in grado di manifestare la malattia e quindi di originare un danno grave. Le due forme di prevenzione viaggiano pertanto perfettamente a braccetto.
Accanto a ciò, da tempo è ormai stata avviata una campagna di prevenzione contro HIV, che prevede, oltre al classico test sierologico, anche un test salivare. Non ci si limita solo ad un brushing all’interno della bocca per raccogliere le cellule contenute nella saliva: l’intervento è più complesso perché in molti ambulatori sono presenti il ginecologo, l’infermiere, lo psicologo, un assistente sociale e l’ostetrica. Tutte queste figure insieme sono in grado di fornire risposte agli utenti e si coglie anche l’occasione per promuovere gli stili di vita e ricordare loro di non mettersi in situazioni di pericolo. La guerra contro HIV è ancora lunga e prevede la possibilità di permettere l’accesso al test anche ai minorenni, senza il consenso dei genitori.

Come arginare un fenomeno in ascesa

La libertà sessuale degli adolescenti di oggi, è facilmente intuibile li esponga ad un aumento delle infezioni e delle malattie sessualmente trasmesse
Fra le MST più frequenti, oltre ad HPV e HIV, abbiamo l’infezione da Chlamidia, da Tricomonas e da Candida. Certamente l’allarme non proviene dalle semplici infezioni in sé, ma dalle conseguenze che queste possono dare. Ad esempio, l’infezione da Clamidia, che presa in tempo non ha alcuna ripercussione importante ma se trascurata può indurre dei problemi nella fertilità. Anche per quanto riguarda i ragazzi si è visto che le infezioni da Papilloma virus possono portare ad una alterazione della fecondità e questo è un dato che spesso non viene preso in considerazione da questi giovani, ma che invece bisogna tenere sotto vigilanza. Una delle cose più difficili, proprio legate a questo tipo di malattie, è la comunicazione: parlare con questi ragazzi senza sviluppare in loro sensi di colpa non è semplice. Sicuramente non ci si può muovere solo per paura: la direzione da intraprendere è quella di istruirli e renderli consapevoli ma senza suscitare in loro paure.

continua dopo la foto

Malattie sessualmente trasmissibili e loro conseguenze

Molte infezioni sessualmente trasmesse, se trascurate, causano infertilità sia nell’uomo che nella donna. Molte di queste sono silenti e infatti possono avanzare nel tempo fino a provocare danni irreversibili. Per capire meglio di cosa si tratta e quanto sia importante il ruolo dei consultori pubblici italiani nel comunicare anche con i più giovani, l’agenzia Dire ha ascoltato Franco Lisi, vice presidente nazionale dell’Associazione ginecologici consultoriali (Agico): “Nell’immaginario collettivo il consultorio familiare è il posto in cui si accede soprattutto per l’interruzione di gravidanza e per la contraccezione. Questo è vero ma in parte, perché non deve essere il solo scopo di queste strutture. Lo scopo del consultorio familiare dovrebbe piuttosto orientarsi verso la prevenzione del danno riproduttivo. Nel nostro Paese si registra il grado più basso di natalità al mondo e le italiane fanno i figli più tardi rispetto a tutti gli altri Stati europei; la mission del consultorio familiare deve orientarsi ripeto verso una maggiore tutela della capacità riproduttiva della coppia. Purtroppo quello che manca è la figura di riferimento per il maschio che potrebbe essere anch’essa introdotta nel consultorio familiare: non a caso, l’equipe medica si avvale di un urologo con particolari competenze andrologiche o endocrinologiche e che possono essere riferimento per la consulenza riproduttiva sia per il maschio che per la femmina. Il danno riproduttivo si raggiunge prevenendo le infezioni a carico dell’apparato urogenitale. E’ noto che l’infezione da Clamidia, nelle donne, può causare la stenosi tubarica o il danno tubarico, e inoltre può provocare anche gravidanze ectopiche. Stesso discorso vale per il maschio. Dunque la prevenzione delle infezioni del danno riproduttivo riduce anche le infertilità nell’età adulta”.

Dott. Luca Ferlito
ferlitoluc[email protected]Cell 3334472360

Vuoi rimanere sempre connesso?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Guarda Anche

TFA sostegno, elenchi ammessi a prova scritta. Aggiornato Cassino infanzia e primaria, Siena, Genova

Concluso il test di accesso, le Università pubblicheranno i file con l’elenco dei candidati ammessi …