Home / Neonati / Neonato morto al Civile, il grido della mamma: “Voglio sapere cosa è successo”

Neonato morto al Civile, il grido della mamma: “Voglio sapere cosa è successo”

]]>

“Non accuso nessuno di negligenza, ma voglio sapere cosa è accaduto. Mio figlio non c’è più, e altri bambini potrebbero stare male”. Lo scrive Denise Malvicini, la madre del piccolo Marco morto il 5 gennaio scorso al Civile, in una lunga lettera pubblicata da Bresciaoggi. E’ il terzo neonato morto in poco più di una settimana: prima di lui anche la piccola Nicole e il giovanissimo Cristian.

La cronaca quanto successo nelle parole di Denise. “Marco è nato alla trentesima settimana con taglio cesareo, perché io avevo la pressione alta, e da lì iniziamo la nostra esperienza in Terapia intensiva neonatale – scrive la mamma – Marco subisce poi un pneumotorace dal quale piano piano ne usciamo. Inizia a mangiare e a crescere, da 1050 grammi arriviamo a 1500, iniziamo a poterlo tenere un poco in braccio”.

Tutto sembra andare bene. “Iniziamo la marsupio-terapia e sono al settimo cielo, ma il 29 dicembre ci dicono che non possiamo fare la terapia perché dagli esami pare abbia in corso un’infiammazione. La mattina dopo mi chiamano e mi dicono che il bambino è peggiorato e hanno dovuto intubarlo a causa di uno shock settico”.

Un tracollo irreversibile. “Mi dicono che Marco ha preso un batterio, non si sa quale e parlano di sepsi, fatto sta che da quel giorno è il declino, non respira più autonomamente, iniziano una serie di terapie che però non portano a grandi risultati. E il 5 gennaio, poco dopo le 18, il suo cuore cede. Il giorno prima il suo vicino di letto è morto per motivi ignoti, qualche giorno prima anche una bimba”.

Guarda Anche

Folk Horror: 7 film da recuperare aspettando Midsommar – Il villaggio dei dannati

Dopo il successo a sorpresa di Hereditary, il regista Ari Aster torna nel mondo dell’orrore …