Home / Neonati / Neonato strappato dall’utero muore dopo 2 mesi di agonia, l’assassina della mamma voleva un figlio

Neonato strappato dall’utero muore dopo 2 mesi di agonia, l’assassina della mamma voleva un figlio

Era stato strappato dall’utero della mamma da una folle e dopo 2 mesi di lotta disperata è morto. Yovanny Jadiel Lopez è morto all’ospedale di Chicago dopo essere stato lettaralmente strappato via dall’utero di sua mamma, la 23enne Marlen Ochoa. La ragazza fu aggredita da una donna che le aprì la pancia con un coltello per impossessarsi del bambino dopo averla attirata in casa sua con una scusa.

Litchi, 50 bambini morti dopo averlo mangiato: il frutto tropicale può causare encefalite acuta

La polizia ritrovò la madre dopo diversi giorni in un bidone della spazzatura e con una serie di indagini è risalita ai suoi assassini. La donna che ha ucciso la madre del piccolo, portò il neonato in ospedale, dicendo di averlo partorito in casa e che il piccolo stava male, aveva anche avviato una raccolta fondi online per le spese mediche, ma i poliziotti hanno capito che il bimbo non era suo. La donna e i suoi due complici, sono stati arrestati, mentre il piccolo fu affidato alle cure del papà, che continuava a pregare per lui.

Yovanny ha lottato per due mesi, ma purtroppo la nascita turbolenta e prematura, avvenuta all’ottavo mese di gravidanza, aveva causato dei problemi che non sono stati superabili, ed è morto. L’assassina e sua madre sono state accusate formalmente di omicidio, come riporta anche Metro, mentre il compagno della donna di favoreggiamento.

Venerdì 14 Giugno 2019, 18:23

Guarda Anche

La scuola materna di Colico riscopre la storia e i monumenti della città

COLICO/Città. Proseguono le uscite sul territorio della scuola d’infanzia di Colico “Cariboni Paride Junior”, inserite …