Warning: session_start(): open(/var/lib/php/sessions/sess_8emel6qn1ugvmhcm82n6efuve3, O_RDWR) failed: No space left on device (28) in /var/www/esseremammaoggi.com/html/wp-content/themes/sahifa/functions.php on line 33
#StopUteroinAffitto, manifesti considerati "choc" rimossi dalla Raggi ... - Essere Mamma Oggi
Home / Neonati / #StopUteroinAffitto, manifesti considerati “choc” rimossi dalla Raggi …

#StopUteroinAffitto, manifesti considerati “choc” rimossi dalla Raggi …

ROMA – «Due uomini non fanno una madre. #StopUteroinAffitto». Uno slogan accompagnato da un’immagine choc: quella di un neonato con il codice a barre sul petto. È il manifesto che le associazioni Pro Vita e Generazione Famiglia hanno scelto per protestare, a Roma, Milano e Torino, contro la scelta delle amministrazioni di trascrivere gli atti di nascita dei figli di coppie omosessuali, concepiti appunto con l’utero in affitto.

Stop alla promozione
Manifesto che, come era nelle intenzioni dei promotori, ha avuto un impatto molto forte sull’opinione pubblica e perfino sulla politica, tanto da suscitare le proteste dei sindaci chiamati in causa, da Chiara Appendino a Virginia Raggi. La prima cittadina della Capitale, in particolare, non si è limitata a ribattere, ma ha addirittura ordinato la rimozione del cartellone, «mai autorizzato da Roma Capitale e dal Dipartimento di competenza», poiché violerebbe il regolamento comunale sulle affissioni, che vieta «esposizioni pubblicitarie dal contenuto lesivo del rispetto di diritti e libertà individuali».

La replica delle associazioni
Alla decisione della Giunta romana hanno però trovato un modo originale di opporsi le due associazioni promotrici, riproponendo su dei furgoncini pubblicitari, le cosiddette vele, dei manifesti molto simili a quelli rimossi dai muri. «Non è possibile tacere davanti al potere ingiusto – hanno sostenuto i presidenti di Pro Vita, Toni Brandi, e di Generazione Famiglia, Jacopo Coghe – Qui è in gioco la libertà d’espressione, la libertà di tutti. Noi non accettiamo le ingiustizie, cara Virginia Raggi, e la nostra risposta all’assurda censura subìta è che per Roma stanno girando nuove vele con questa dicitura: ‘Sarà ancora possibile dire mamma e papà?’. Manipolare con la tecnica e l’ideologia la nascita di un bambino significa stravolgere il diritto, la ragione e il buonsenso e questa follia va chiamata con il suo vero nome: è sfruttamento delle persone, senza che il soggetto più fragile abbia neanche la coscienza di essere in realtà la merce della compravendita. Infatti il bambino viene ordinato e venduto a sua insaputa. A chi ci ha accusati di presunta omofobia replichiamo che noi condanniamo la maternità surrogata in ogni forma e tutto il business vergognoso che si sta promuovendo sulla pelle dei bambini trattati come prodotti».

Related Post

Guarda Anche

Insegnare nella scuola dell’infanzia

DISPONIBILE DALLA FINE DEL MESE DI NOVEMBRE Dalla progettazione didattica all’attività in sezione 10 esempi …


Warning: Unknown: open(/var/lib/php/sessions/sess_8emel6qn1ugvmhcm82n6efuve3, O_RDWR) failed: No space left on device (28) in Unknown on line 0

Warning: Unknown: Failed to write session data (files). Please verify that the current setting of session.save_path is correct (/var/lib/php/sessions) in Unknown on line 0