Home / Fertilità / Svizzera, allarme fertilità: tra le più basse in Europa

Svizzera, allarme fertilità: tra le più basse in Europa

La fertilità per la popolazione maschile è un tema molto delicato sotto vari punti di vista, in particolare per la salute vera e propria dell’organismo e non solo dal punto di vista riproduttivo. Secondo una nuova ricerca compiuta dai ricercatori dell’Università di Ginevra su scala europea si è potuto constatare come proprio la Svizzera risulti tra le nazioni dove si registra tra la popolazione maschile un numero di spermatozoi decisamente basso.

Gli scienziati hanno definito la qualità dello sperma degli svizzeri in uno “stato critico”. Visto dal punto di vista medico, questo è un dato che preoccupa perché potrebbe portare in futuro anche allo sviluppo di un cancro ai testicoli.

Su circa il 60% degli uomini degli uomini esaminati si sono riscontrati problemi con il numero di spermatozoi che risultava troppo basso, con la loro motilità e il loro sviluppo. Vedendo il calo degli spermatozoi registrato su tutto il mondo occidentale, gli esperti danno la colpa ai moderni stili di vita che danneggiano la fertilità maschile.

In questa nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Andrology, sono stati testati campioni di sperma di 2.523 uomini svizzeri di età compresa tra i 18 e i 22 anni. Al momento del test, tutti stavano prestando il servizio militare e l’unica accortezza che hanno dovuto seguire è stata quella di non fare sesso almeno nei due giorni precedenti il prelievo. Dall’esame è risultato che il numero medio di spermatozoi era di soli 47 milioni per ml di liquido seminale. Il range di riferimento per gli uomini europei è compreso tra 41 e 67; perciò il dato della Svizzera è preoccupante.

In classifica, peggio della Svizzera ci sono solo tre nazioni: Danimarca, Norvegia e Germania. Invece, al di sotto della Svizzera – quindi con un numero di spermatozoi più alto – troviamo, in ordine, Finlandia, Lituania, Estonia e Spagna. Sempre secondo i dati riguardanti la popolazione maschile svizzera, circa il 17% di loro ha avuto una concentrazione inferiore a 15 ml e ciò ha messo a serio rischio la loro fertilità.

Gli scenziati sono preoccupati per la bassa presenza di spermatozoi, perché questo è indice di rischio per un eventuale cancro ai testicoli. Il professor Serge Nef, a capo di questo studio, ha affermato: “È importante capire che il tempo necessario per concepire aumenta significativamente se un uomo ha una concentrazione di sperma inferiore a 40 milioni di spermatozoi per ml”.

Il team di scienziati ha aggiunto che un uomo la cui concentrazione di spermatozoi è inferiore a 15 milioni per ml è “subfertile”, cioè vi è una probabilità maggiore che si presentino problemi di fertilità e difficoltà a concepire. Soltanto il 38% degli svizzeri esaminati ha presentato livelli di qualità di sperma salutari, stabiliti dall’Organizzazione mondiale della sanità. Il coautore dello studio, il dottor Alfred Senn, sempre esaminando i dati ha detto: “In termini generali, i risultati suggeriscono che la qualità dello sperma dei giovani in Svizzera è in uno stato critico e che la loro futura fertilità sarà probabilmente influenzata”.

Infine, sulla probabilità di sviluppo del cancro ai testicoli, il professor Nef ha aggiunto: “Per 35 anni, il cancro ai testicoli è cresciuto costantemente – in Svizzera – fino a oltre 10 casi ogni 100.000 uomini, che è molto alto rispetto ad altri paesi europei. La qualità dello sperma è generalmente inferiore nei paesi in cui l’incidenza del cancro ai testicoli è elevata”. La ricerca si è basata solo sui dati di quei determinati paesi europei perché, a quanto sembra, per gli altri non vi sono dati sufficienti per fare un confronto.

Guarda Anche

Pensate alla Pianificazione Familiare Naturale? Un medico risponde a 6 domande

Quando la gente pensa alla pianificazione familiare, probabilmente crede che sia una scelta profondamente naturale, …